ComunicatiInterviste VintageSostenibilitàVintage

Intervista Vintage n.3: progetto “tredicicm” x DMM

Evento All You Can Wear
Gabriellla e Stefania del progetto "tredicicm".

Ciao gente! Eccoci qui con la terza puntata delle nostre “Interviste Vintage” dedicata ad una collaborazione tra la nostra Cooperativa Di Mano in Mano e un nuovissimo progetto creativo di moda: “tredicicm“.

tredicicm” nasce dalla collaborazione tra due giovani professioniste, Gabriella Mondelli, designer, e Stefania Cifarelli, pattern maker e prototipista, e si propone di recuperare stoffe vintage o di fine stock, con l’obiettivo di dare forma e vita a capi di abbigliamento e accessori con un appeal contemporaneo. La missione delle due co-founder del progetto è creare collezioni che siano rispettose dell’ambiente e la sfida è appunto il recupero creativo di stoffe che altrimenti verrebbero scartate e finirebbero inutilizzate.

Un fit perfetto con gli ideali della nostra Cooperativa. Proprio per questo abbiamo deciso di dare il via a una collaborazione con “tredicicm” in occasione di un evento inedito dedicato all’abbigliamento, che si terrà il 3 e 4 Settembre presso il nostro negozio di Milano,  in viale Espinasse 99.

L’evento di cui parliamo è “All You Can Wear“, un format divertente (oltre che conveniente per le tasche) che mette a disposizione 1000 shopper da riempire fino all’orlo di abiti e accessori vintage, second-hand e nuovo da stock. Una due giorni con l’obiettivo di “salvare” e trovare una nuova casa a capi di abbigliamento nell’ottica del riuso e del riciclo tanto cara alla Cooperativa e alle amiche di “tredicm”. 

Le shopper appena menzionate sono appunto realizzate dalle ragazze di “tredicicm”. Ogni borsa è diversa dalle altre proprio perché ognuna prende vita grazie a tessuti di recupero. La loro forma, dimensione ed anche il loro design, che accosta gradevolmente stoffe di diversi colori e stampe, permette a chi le acquisterà di continuare a utilizzarle anche dopo la fine dell’evento come comode borse per ogni occasione.

Ma cerchiamo di conoscere meglio le due menti creative dietro al progetto “tredicicm” con qualche breve domanda e qualche foto scattata nella corte dove si trova il loro laboratorio. Ah, ovviamente Stefania e Gabriella sono vestite interamente Di Mano in Mano, e sfoggiano due prototipi di borse che troverete all’evento. 

Stefania, quale è, in breve, il percorso personale che ti  ha fatto interessare ad una moda vintage e più consapevole?

Ho iniziato ad avvicinarmi al vintage quando ho cominciato ad approfondire le mie conoscenze riguardo la realizzazione di capi di abbigliamento e accessori. Apprezzo i capi e i materiali  che rispettano maggiormente l’ambiente e hanno una filiera etica. Mi piace ritrovare la qualità di tessuti e finiture nei capi vintage e spesso li reputo migliori rispetto ai capi attuali.

E il tuo, Gabriella?

La mia sensibilità per la moda è costantemente cresciuta nel tempo. Sono da sempre una shopping addicted, ma negli anni ho imparato a comprare meno e a prestare attenzione alla filiera di produzione dei capi, alla qualità dei materiali e all’unicità del design.

Come è nata, dunque, nel concreto, l’idea di fondare “tredicicm”?

Insieme condividiamo la passione per l’insegnamento e ci siamo incontrate per caso in un’università milanese, dove entrambe siamo docenti del dipartimento di moda. Nel maggio 2022 finalmente abbiamo deciso di concretizzare tutte le idee scambiate tra una lezione e l’altra e lavorare insieme.

Tredicicm è un progetto di sartoria creativa, che ha lo scopo di reinventare tessuti di fine stock, reinterpretarli e regalare loro una nuova vita.

Una curiosità: 13 è il nostro giorno di nascita (sì stesso giorno, ma mesi e anni differenti). C e M le iniziali dei nostri cognomi e l’unità di misura della nostra creatività di artigiane.

Come vi dividete il lavoro nel vostro laboratorio?

Siamo entrambe le menti creative del progetto, condividiamo le idee e sviluppiamo insieme le collezioni. Gabriella si occupa di disegnare in digitale ricami, decori e pattern, studiando i temi e le palette colori delle collezioni. Segue inoltre la parte grafica del brand. Stefania dedica una cura speciale alla scelta dei tessuti e alle finiture, lavora ai cartamodelli e si occupa del confezionamento. Il nostro è un lavoro di team e dal confronto costante nascono accostamenti audaci e prodotti sempre nuovi.

Sappiamo che conoscevate già Di Mano in Mano molto prima di questa collaborazione. Che cosa vi affascina della nostra cooperativa?

Siamo vostre affezionate clienti da diverso tempo. Oltre alla qualità dei vostri prodotti ci affascina molto la vostra etica lavorativa, e la passione che viene sempre messa in risalto su tutti i vostri progetti. Apprezziamo i rapporti umani all’interno della vostra realtà, e la serenità che si respira solo visitando i vostri punti vendita.

Riguardo alla collaborazione per l’evento “All You Can Wear”, quali sono state le sfide e le soddisfazioni nella realizzazione delle shopper?

Non ci siamo ancora riprese del tutto dalla full immersion di taglio e cucito :). Sono state settimane dense, per realizzare con amore, una ad una, le 1000 borse che troverete all’evento.

Abbiamo messo tutta la nostra passione nel valorizzare la bellezza dei tessuti che Di Mano in Mano ci ha messo a disposizione, accostandoli alle stoffe con le stampe dei nostri disegni. Crediamo di essere riuscite nell’intento di valorizzare entrambi i tessuti, cercando di ridurre al minimo gli sprechi e restando fedeli a uno dei pilastri della nostra attività: l’upcycling. Vi aspettiamo all’evento per scoprire quale sarà la vostra bag preferita!

Per concludere, non possiamo che chiederci quali sono gli sviluppi che prevedete o che vi auspicate per il vostro business?

Siamo pronte con due collezioni. La prima è una limited edition di borse in tessuto gabardine 100% cotone accoppiato, rigido e resistente, versatile per qualsiasi utilizzo. Poi abbiamo anche una seconda collezione interamente ispirata dai ricami delicati dei corredi delle nostre nonne. Abbiamo riprodotto in digitale gli stessi ricami e creato nuove varianti, riproducendo gli intrecci di fili che hanno accompagnato la nostra infanzia. Le borse sono il primo step e abbiamo già in cantiere una linea di accessori, tessili per la casa e successivamente lanceremo la nostra prima linea di pigiami e vestaglie!

Grazie mille ragazze, è stato super interessante collaborare con voi e avere l’opportunità di esplorare la vostra nuova ed interessante realtà! Ci vedremo molto presto all’evento con tutte le 1000 borse al completo!

Tornando a voi, cari lettori, vi ringraziamo di averci fatto compagnia fino a qui, ma soprattutto vi aspettiamo all’evento “All You Can Wear” che, vi ricordiamo, si terrà il 3 e 4 Settembre in v.le Espinasse 99, con orario continuato dalle 10.00 alle 19.00

Se non avete letto le puntate precedenti di “Interviste Vintage” sul blog potete trovarle qui.

Per approfondimenti sulla sostenibilità in ambito moda, invece, potete seguire questo altro link.

Vi ricordiamo inoltre di seguire il nostro profilo Instagram per aggiornamenti quotidiani sul reparto abbigliamento e il profilo Instagram di “tredicicm”, dove, siamo sicuri, ne vedremo delle belle!!

A presto!

Paola
Penso che gli abiti dicano tanto di noi: ci mostrano e ci nascondono al tempo stesso. Mi piace poi la sfida di un guardaroba all'insegna del riuso con cui giocare e poter mischiare storie diverse ed uniche.

    Potrebbe piacerti anche