1950 – Un anno un libro

La famiglia Moskat di Isaac Bashevis Singer 1950

Nel 1945, a guerra finita, Singer iniziò a pubblicare in Yiddish a puntate La famiglia Moskat (da novembre 1945 a maggio 1948). Il romanzo venne anche letto per radio, e ebbe un discreto successo nella comunità ebraica di New York. Fu pubblicato per la prima volta da Alfred A. Knopf in inglese nel 1950 con la traduzione di Abraham e Nancy Gross.

Il romanzo racconta la storia della famiglia del vecchio patriarca Meshulam Moskat che attraversa gli anni che dalla fine del XX secolo arrivano fino alla Seconda Guerra Mondiale e alla “soluzione finale” messa in atto dal regime nazista.

Il vero protagonista di questo possente romanzo è l’Ostjudentum, la società ebraico-orientale – in particolare quella di Varsavia – con la sua complessa e densa cultura. Nel racconto di Singer la ricchezza immensa di quella civiltà rivive, con minuzia realistica e visionaria, col respiro delle vicende private e il soffio della storia. Magistrale affresco di un periodo cruciale della storia europea, “La famiglia Moskat” è una delle più alte testimonianze di quel mondo che scomparve tra gli orrori dell’Olocausto.

Non risparmia nessuno Singer, di tutti mette in risalto i difetti e i vizi, ma lo fa senza alcun intento moralistico, anzi quasi con indulgenza. È per questo che il lettore non è mai portato a condannare gli eccessi di Abram, pronto a soddisfare le sue improvvise e accese passioni, al punto da ignorare il principio del bene e del male, così come è indulgente verso le debolezze di Asa Heshel. Forse il personaggio verso il quale Singer è più spietato è Koppel, di cui mette in rilievo la grossolanità e la disonestà.

la famiglia moskat singer
Isaac Bashevis Singer (1902-1991)

È certamente Asa Heshel, il personaggio più significativo, per ciò che egli rappresenta nella comunità ebraica di quel tempo e di quei luoghi.

Egli è l’intellettuale che non riesce tuttavia a completare alcun progetto iniziato. Egli in un certo modo si compiace della sua infelicità e della sua incapacità di amare, pur amando appassionatamente. La sua condizione è la condizione stessa dell’ebreo prigioniero delle sue incertezze. Ciò che per altri rappresenta una speranza per Asa Heshel è solo un’illusione. Egli è dunque l’uomo singolo e parte d’una collettività a un tempo. Il suo destino non può essere che assistere al totale sconvolgimento del suo mondo, all’annientamento e alla distruzione dei valori che gli erano appartenuti. Se la nostalgia del passato per altri autori di religione ebraica di provenienza mitteleuropea derivava dal rimpianto d’un ordine e di un’armonia perdute, per Singer il passato non ha in sé nulla di mitico. La morte è totale.

L’ultima frase pronunciata da Hertz Yanovar è emblematica: “Il Messia verrà presto.” […] “La morte è il Messia. Questa è la verità.”

Ricordiamo che Singer è uno scrittore polacco naturalizzato statunitense insignito del premio Nobel per la Letteratura nel 1975.

la famiglia moskat
Copertina “La famiglia Moskat”

Visita il nostro catalogo per scoprire altri libri di Isaac Bashevis Singer!